Mese: dicembre 2012

Il ruolo dei nonni

La stragrande maggioranza dei nonni italiani, oggi, ha un’età compresa tra 65 e 75 anni. Nonni ancora giovani, quindi in ottima salute.
Proprio per l’ampiezza della fascia d’età, esistono diverse tipologie di nonni:
– quelli giovani, con impegni di lavoro ancora pressanti che hanno un ruolo marginale nella vita del nipotino;
– c’è poi la categoria dei nonni volutamente assenti: quelli che, pur disponendo di tempo libero, preferiscono investirlo nel coltivare i propri interessi;
– infine, la maggioranza in Italia, è costituita dai nonni sempre presenti, che spesso diventano indispensabili all’interno del ménage familiare. Per un bimbo sono figure importanti: fonte, al pari dei genitori, di amore incondizionato. Testimonianza tangibile del loro passato e della continuità della loro famiglia. Senza dimenticare l’aiuto pratico che offrono alla famiglia sempre e ancor di più nei momenti di difficoltà. La figura principale per un bambino è sempre quella dei genitori e delle regole che questi stabiliscono per lui ed è doveroso che i nonni non sconvolgano queste regole sia per l’educazione, sia perché loro non devono passare per quelli più  buoni e da apprezzare, i nonni devono sempre avere un limite……devono far capire che sono presenti , ma devono dare sicurezza anche per la figura materna che per causa lavoro o altro viene meno…..devono far sentire i bambini amati da tutti , sopratutto perché un bambino vuole la mamma e la cerca……loro devono spiegare che la mamma è presente in tanti modi e che la lontananza non è una malattia ma una cosa normalissima. Continua a leggere “Il ruolo dei nonni”

× Featured

Mi racconto...

Anziano o vecchio . . . ?

Quante volte capita di sentire indifferentemente questi due termini? Sono la stessa cosa? Hanno lo stesso significato? Lo scopo di  questo articolo è proprio quello di cercare di capire se lo sono.Anziano deriva, etimologicamente, dal latino medioevale antianus, derivazione di antea ossia prima, quindi appartenente ad un’epoca anteriore e significa persona di età avanzata in assoluto o in relazione ad altri.Vecchio deriva dal latino vetus o vetulus ed è riferito a persone,animali o cose che sono molto avanti negli anni. Per quanto riguarda le “cose” solitamente viene usato il termine “antico” che difficilmente viene associato alle persone.Nel lessico sanitario in particolar modo per quanto riguarda la medicina, al posto di vecchio viene usato il termine “geriatrico” da cui derivano sia la branca specialistica della Geriatria sia la specializzazione clinica di Geriatra entrambi deputati alla cura e all’assistenza del vecchio. Continua a leggere “Anziano o vecchio . . . ?”

× Featured

Mi racconto...