2 Ottobre La Festa dei Nonni Gli Angeli custodi

Oggi, 2 ottobre, si festeggiano “I NONNI”. Tutto ebbe inizio in America, grazie ad una mamma del West Virginia, la Sig.ra Marian Mc Quade, che aveva 15 figli e 40 nipoti. Oltre ad essere nonna aveva lavorato con gli anziani per diversi anni e cercava di portare avanti la campagna, pro festa, da molto tempo. Era il 1970, ma solo nel 1978, l’allora Presidente degli Stati Uniti d’America, Jimmy Carter, proclamò che la festa nazionale dei nonni (il Grandparents Day) fosse celebrata ogni anno, la prima domenica di settembre. Alcune famiglie, in questo giorno, si radunano dilettandosi con giochi da tavolo che facilmente favoriscono gli incontri “generazionali” tra giovani e anziani.

In Europa la festa ricorre da circa dieci anni e il suo promotore fu l’Ufficio Olandese dei Fiori che, ogni anno, organizza eventi finalizzati a celebrare lo speciale e prezioso rapporto che unisce nonni e nipoti. Per festeggiare questo momento si invitano i nipoti a regalare , ai loro nonni, una piantina fiorita, per ringraziarli di tutto quello che questi speciali angeli custodi fanno per loro. Perché i nonni sono gli angeli custodi dell’infanzia.

Ed è proprio perché i nonni sono considerati degli angeli custodi molto speciali che in Italia con la legge n.159 del 31 luglio del 2005, il Parlamento, ha proclamato il 2 ottobre la loro festa in quanto, proprio in quel giorno, la Chiesa celebra gli Angeli. I nonni hanno un ruolo fondamentale nell’educazione e nella crescita dei nipoti e, per tale motivo, la loro festa è considerata al pari della festa del papà e della mamma.

L’istituzione della festa prevede l’impegno concreto da parte degli Enti locali (Regioni, Province e Comuni) ad istituire iniziative per valorizzare il ruolo dei nonni ed un premio annuale, consegnato dal presidente della Repubblica al nonno e alla nonna d’Italia.
E’ davvero importante festeggiare i nonni in un grande abbraccio, ricordandoci quanto questa figura dà ogni giorno, in termini di aiuto concreto (e soprattutto dal punto di vista umano), alle loro famiglie e ai loro nipoti. È quello, fra nonni e nipoti, un rapporto incantato, dove i sentimenti trovano un’espressione di purezza, spontaneità, trasporto e amore incondizionato.
La giornata a loro dedicata è il riconoscimento ufficiale del loro valore sociale, ma soprattutto educativo, affettivo, culturale e personale nei confronti dei nipoti, che in poco tempo ha riscosso un unanime consenso. Nel 2005 la Festa Nazionale dei Nonni ha coinvolto più di venti milioni di italiani tra nipoti e nonni.

Il “non ti scordar di me” è il fiore ufficiale della “Festa dei Nonni”. Esiste anche una canzone ufficiale, scritta e composta nel 2005, dal cantautore Walter Bassani, il cui testo è ricco di parole molto toccanti ( “Tu sarai un uomo migliore, se porterai i nonni nel cuore…perché lo sai quegli occhi sinceri, sono i bambini di ieri” cit. ). Questa canzone è stata tradotta anche in tedesco, inglese e spagnolo e, in tutte le Nazioni, è diventato il tema ufficiale della Festa.

Secondo gli ultimi dati statistici, in Italia i nonni sono più di 13 milioni di persone con un’età media di 54,8 anni:

  • il 26% si occupa dei nipotini mentre i genitori lavorano (è la più alta percentuale in Europa)
  • il 48% aiuta i figli economicamente.

I nonni sono figure insostituibili nell’infanzia di ogni bambino, che diventato adulto ne ricorderà per sempre le coccole, le storie raccontate prima di andare a dormire, i giochi e i tanti momenti spensierati.

“I nonni sono coloro che vengono da lontano e vanno per primi, ad indagare oltre la vita; sono i vecchi da rispettare per essere rispettati da vecchi; sono il passato che vive nel presente ed i bambini sono il presente che vedrà il futuro.” Maria Rita Parsi

× Featured

Mi racconto...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *